mercoledì 27 giugno 2012

Tutti al campo estivo!

Ieri siamo andate alla nuova scuola materna di Sarah, una scuola parrocchiale gestita dalle suore, e ci siamo iscritte al campo estivo (nel senso che lei si è iscritta, io finalmente avro un attimo di respiro...).

Una delle cose che ho potuto notare da quando siamo in quel di Bologna è che la timidezza di mia figlia , quella di cui vi avevo parlato qui, quella che ci aveva costretto al ritiro dalla scuola di danza, quella, bè è miracolosamente  andata via del tutto.

Tra le altre cose oggi ha voluto  rimanere un pò a scuola, io stavo leggendo un interessantissimo libro di una mia nuova amica di cui vi parlerò venerdì, e lei era lì che stringeva felice la mano di una bimba conosciuta al parco.


In realtà nelle ultime settimane
è stato un continuo chiedere ai bimbi del parco come ti chiami, dove vai a scuola? Facciamo amicizia?

E credetemi sono esterrefatta, perchè fino a qualche settimana fa abbassava gli occhi e taceva, se solo le chiedevano quale era il suo nome..

Credo che le abbia fatto bene non essere costretta ad andare a scuola, e a capire che aveva dentro la forza per avere dei nuovi amici, che poteva scegliere da sola.

Credo anche che i nostri figli ormai hanno una vita tutta programmata e poco spazio per il pensiero libero. Sono costantemente guidati dagli adulti.


Oggi, per esempio, parlando con le mamme della scuola ho detto che Sarah  non vuole andare in piscina ma a pattinaggio artistico (che adora da quando era piccinina, impazzisce dietro a Carolina Kostner) , e mi hanno detto 3 giorni la porti a pattinare, 1 giorno in piscina. Bè ma se esce già alle 17, e io le occupo tutti i giorni, quando avremo la possibilità di stare insieme, quando avrà la possibilità di scorazzare al parco??

Secondo me una vita troppo frenetica non le fa bene, pattinaggio artistico basta e avanza. :)

L'altro giorno l'ho portata agli allenamenti, era incantata ...

Più passano i giorni e più mi accorgo che trasferirsi è stato un bene, soprattutto per Sarah. Mi manca il mare, la mia terra che bacerò appena attraverserò lo stretto di messina, ed a volte mi sento "strappata" dalle mie radici. Ma nonostante tutto, w l'Emilia Romagna.

12 commenti:

  1. Sono davvero contentissima per la tua bimba! I nostri piccoli hanno tante risorse nascoste che prima o poi vengono a galla. E quello che è riuscita a fare tua figlia è una cosa davvero grande e importante!

    RispondiElimina
  2. P.S.: d'accordissimo con te che non è giusto riempire la vita dei nostri figli organizzandola da mattina a sera senza qualche ora di sano relax, gioco libero, stiamo insieme senza dover per forza fare qualcosa :-)

    RispondiElimina
  3. Si, sono piccoli, un'attività è più che sufficiente, fai benissimo.
    Da noi non c'è il pattinaggio, o perlomeno non vicino, altrimenti anche mia figlia si sarebbe iscritta di sicuro, lo adora!
    C'è solo il taekondò (non so come si scrive), la ginnastica artistica e pallavolo. Che scelta eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. taekondò?? chi è costui? :) vengo da palermo dove potevi scegliere tra piscina e nulla. e comunque per la piscina dovevi fare la fila :)

      Elimina
  4. sono contenta che il trasferimento sia andato bene, sia per la salute della piccola e sia per il nuovo ambiente. Io gli faccio già frequentare una volta la piscina e per adesso non ho trovato altri sport a cui sembrano essere interessati e allora va bene così...poi vedremo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sull'allergia potrei dire che siamo quasi guarite ... per il resto, per lei solo cose positive, direi. A Parte la mancanza dei nonni che comunque vedeva già poco.

      Elimina
  5. La tua positività, ti fa onore. Io ti parlo della mia esperienza personale. Mia cognata che si è trasferita a Modena 4 anni fa, ma continua imperterrita a dire che Modena fa schifo e che le fa schifo vivere lì. Testuali parole. Io trovo questo suo atteggiamento troppo rigido e puerile. Certo che la sua Napoli, resterà sempre la città migliore del mondo per lei, ma un'occasione anche alla città che ti da un lavoro e una vita, non credi che sia, quanto meno, opportuno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo con te, e poi ti assicuro che se facesse la lista dei pro e dei contro in maniera obiettiva deciderebbe che napoli va bene per le vacanze, ma modena è un posto in cui vivere. Te lo dico perchè conosco napoli, e come palermo è "sorridente", ma poi non ti da da mangiare, in soldoni.Oltree a non avere servizi, e a non essere a misura di bambino

      Elimina
    2. cara a Napoli io vivo a Sorrento che te lo dico a fare! Sono daccordo che non si deve riempire troppo le dei bimbi, noi d'inverno siamo impegnatissimi, ma ieri finalmente First ha fatto il saggio di ballo e avremo davanti a noi due mesi e mezzo di assoluto relax, cosa faremo? Non ne ho proprio idea :-D qualcosa m'inventerò.

      Elimina
  6. Uno strappo doloros per te, lo so....ma i frutti positivi (più che positivi, anzi!) che già stanno maturando ti fanno capire che ne è valsa la ppena.
    Un bacino alla tua piccola aspirante-Carolina Kostner!!

    RispondiElimina

il tuo commento mi regala un sorriso

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...